I gesti dello sport


Elisabetta Talana · 2008

Direttamente dal racconto di Alfonso Porcu

Questa foto è stata scattata il 28 settembre 2008 durante la Gran Fondo di Mountain Bike di Is Trebinas a Morgongiori, in provincia di Oristano, valida per il Campionato Sardo di Federazione e riprende la bellissima Elisabetta Talana, una ragazza di Iglesias che è una delle più forti bikers della nostra isola, sia in mountan bike che in bici da strada. Il giorno è arrivata seconda, dietro una certa Elisabetta Mosso, che rappresenterà l’Italia nelle Hawai ai mondiali di Triathlon!

Elisabetta Talana 2008

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 8 commenti

Salvatore Atzei · 1962

Massimiliano Atzei ci scrive…

Una foto di mio padre, Salvatore, scattata quando vinse una gara ciclistica a Quartu Sant’Elena nell’agosto 1962 con la squadra Tharros…

Salvatore Atzei 1962

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 3 commenti

Marco Corrias

Direttamente dal commento di Marco Spanu

Il professor Marco Corrias dell’Atletica Oristano affezionato dei 110 ostacoli… una vita sulla pista!

Marco Corrias

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 13 commenti

Guido Gamberoni · 1986

1986, Is Arutas, la splendida spiaggia nella penisola del Sinis in provincia di Oristano. Guido Gamberoni all’età di 43 anni si cimentava in un tuffo perfetto. Forse oggi all’età di 65 anni, con un paio di tuffi di prova, riuscirebbe a ripetere la prestazione…

Tuffo di Guido Gamberoni

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 1 commento

Andrea Mulas · Amsterdam 2008/Dubai 2008

Corro… con passo da gigante corro, per portare nel mondo un messaggio del mio popolo e per farlo conoscere in altri e lontani paesi per l’unione del sapere.

Con questo spirito, dopo tanti sacrifici e un durissimo allenamento di preparazione, Andrea Mulas il 19 ottobre 2008 corre la Maratona di Amsterdam. Corre, per la prima volta, con il caratteristico costume di Oristano per confermare con entusiasmo il piacere di correre…

Andrea Mulas 2008

La foto è stata scattata nello splendido scenario del golfo di Oristano

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Amsterdam 19 ottobre 2008, gli attimi che precedono la gara…

Andrea Mulas duemilaotto

Amsterdam 2008 UNO

Da sinistra

Peppe Maccioni, Andrea Mulas, Antonio Trudu, Enrico Cuozzo

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

In questa sequenza Andrea Mulas durante la corsa e all’arrivo all’Olympisch Stadion…

Arrivo allo Stadio

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Andrea Mulas, atleta oristanese, durante la partecipazione alla maratona di Dubai, negli Emirati Arabi che si è svolta il 18 gennaio 2008, vinta dal’atleta etiope Hailè Gebrselassie.

Andrea Riccio nel suo blog www.ilriccio.eu ha scritto «Un matto si aggira per gli spazi… tra Oristano, Amsterdam e Dubai! Bostro (il soprannome di Andrea) è il maratoneta che sfida l’apatia e lo scoramento con il proprio messaggio. Message, infatti, è la missione che si è data … Il messaggio che lui manda è questo: fiducia e collaborazione. Lo hanno aiutato tante persone».

Andrea Mulas spiega il suo progetto «Il Message pensiero è quello di far crescere quello che non c’è… forse a qualcuno le cose possono andar bene pure così… ma, per fortuna, c’è qualcuno che vuol condividere e comunicare quello che ha dentro… quello per cui si sente vivo, quello che lo fa sentire unico… e che aspetta il proprio momento per parlare, per partecipare il proprio Message. Io vorrei essere il portavoce di tutti questi messaggi e tramite la mia passione per la corsa, mi propongo di facilitare questa comunicazione, portando ciascun messaggio nelle mie tappe in giro per il mondo. Ho iniziato ad Amsterdam nel 2007 per poi proseguire per Dubai nel 2008. Ogni mia competizione sarà un’occasione di diffusione del pensiero di tutti coloro che intendono esprimersi attraverso l’arte la cultura e ogni altra forma di comunicazione».

Il prossimo appuntamento è Amsterdam il 19 ottobre 2008.

Andrea Mulas

E questa, costruita graficamente da Massimiliano Sanna (Kappa Logo Studio) è l’immagine che ha promosso il progetto Message di Andrea Mulas.

Message

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 221 commenti

Luca Meconcelli · 2008

Luca Meconcelli cresce (14 anni)… e continua a partecipare alle gare di minicross.

Luca Meconcelli - 2008

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 1 commento

Gare di atletica fra scout · Villamassargia 1977

Direttamente da racconto di Sergio Fois

L’Oristano 1 nella tarda primavera del 1977 partecipò al San Giorgio tenutosi a Villamassargia. Le Guide e gli Esploratori dei gruppi Scout del Sulcis-Iglesiente ed Oristanese si confrontarono in gare di atletica.

Ad onor del vero le nostre Guide furono più brave dei nostri Esploratori. Le foto raccontano alcuni di quei momenti: nella prima foto Fausto impegnato allo spasimo nell’arrivo della staffetta.


Gare fra scout a Villamassargia 1977

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Nella seconda foto: Serena passa il testimone a Beatrice mentre Roberta e Patrizia le incitano…

Scout a Villamassargia 1977

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Nella terza è Roberta impegnata a contribuire alla vittoria…

Scout 1977

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 19 commenti

Sandro Garau

La foto si riferisce all’arrivo della 5^ edizione del Trofeo Giacomo Matteotti per Dilettanti. Sandro Garau, fasciato della maglia del Santa Giusta, s’impone sui 5 compagni dopo una fuga durata oltre cento chilometri dei 132 totali, Ad un ritmo di gara elevato con la media record di oltre 41 km orari. Il rettilineo d’arrivo è quello della via Sardegna ad Oristano e il gesto atletico migliore, per l’occasione, è il salto del fratello Roberto, che in questo modo lascia letteralmente esplodere la tensione accumulata lungo tutto il percorso sull’ammiraglia e gioisce per un’altra splendida vittoria da inserire nel carniere.

Sandro Garau

Sandro si avvicina al ciclismo nel 1970, colpito dallo stesso virus che anni prima aveva attaccato suo cugino Giovanni, fortissimo e plurivittorioso ciclista che corona la carriera con il passaggio al professionismo, in compagnia dei più grandi campioni dell’epoca. Il giovane Sandro ha la sfortuna di perdere il papà Francesco, all’età di soli quattro anni, anch’egli appassionato di ciclismo e, con lui, l’imperdibile opportunità di avere una guida per lo sport e per la vita. Ma, ha in suo fratello Roberto, nella famiglia e in alcuni altri amici e parenti, anch’essi appassionati di ciclismo, il sostegno indispensabile per coronare il suo sogno d’atleta. Questo team di Cirenei della Domenica, Roberto in testa, in quegli anni traghettano Sandro e gli altri atleti della società ciclistica, per tutta l’Isola, spendendo tempo e denaro e rinunciando al tempo libero per garantire loro la partecipazione alle gare. Partecipa alla 1^ fase dei Giochi della Gioventù, e chiude con una bella vittoria in volata, mentre, nella prova regionale, pur in fuga con un ristretto gruppetto di corridori, cade e conosce per la prima volta i morsi dell’asfalto. Il successivo anno è tesserato tra gli esordienti nella Società ciclistica Solarussa, ottenendo numerosi piazzamenti tra i primi ma nessuna vittoria nella parte iniziale della stagione. Sarà, in ogni caso un periodo molto utile per affinare le capacità fisiche e tecniche che lo porteranno, negli anni a seguire a diventare uno tra i migliori velocisti e passisti del panorama ciclistico Isolano. I successi cominceranno ad arrivare già dalla seconda metà della stagione agonistica. Negli anni a seguire, sarà un susseguirsi d’esaltanti vittorie, bei piazzamenti e cocenti sconfitte, dovute, queste ultime, in buona sostanza, al carattere eccessivamente docile e remissivo, talvolta finanche fragile, e alla consapevole incapacità di far ricorso alla cattiveria agonistica, che lo ha spesso portato alla rinuncia al risultato personale pur di favorire i compagni. La chiamata al servizio militare, con l’esclusione dalla Compagnia Atleti, dove per il punteggio acquisito durante la stagione agonistica avrebbe dovuto avere la meritata ed immancabile posizione, l’anno di stop, unitamente alla mancata partecipazione, per ragioni mai compiutamente esplicitate, ad un’importante corsa a tappe della penisola e la malaugurata decisone dello staff tecnico della pista di non inserirlo tra i convocati per i vari Campionati della pista nonostante i risultati di rispetto ottenuti, minano la sua determinazione a proseguire con il grado d’impegno necessario per mantenersi ad alto livello. Sono questi i più importanti motivi che gli hanno impedito di poter vantare un palmares che, seppure di gran rispetto, avrebbe potuto essere senza dubbio alcuno notevolmente più ricco. Tra le vittorie più importanti ricordiamo:
Campionato Regionale Cronosquadre Allievi
Campionato Regionale Velocità su Pista Allievi
Campionato Regionale su Pista Inseguimento Allievi 1° Anno
Campionato Regionale su Pista Inseguimento Allievi 2° Anno
Campionato Regionale su Pista Corsa a Punti Individuale Dilettanti
Campionato Regionale su Pista Kilometro da Fermo Dilettanti
Campionato Regionale su Pista Inseguimento a Coppie
Campionato Regionale su Strada Dilettanti
Campionato Regionale Cronometro Amatori
Campionato Regionale Strada Amatori CSEN
Svanite le aspettative di entrare a far parte del gran ciclismo, coltiva in ogni modo la passione per la bici e partecipa alle corse riservate agli Amatori. Con il Gruppo di Bici & Fantasy e la Pachea, organizza le prime manifestazioni di Mountain Bike. A Palmas Arborea, ricavando il circuito in una vecchia cava e a Seneghe, mentre i Pachea trovano la collocazione della loro gara ad Iglesias. Sarà lo spunto d’avvio per una specialità che avrà, negli anni a venire un seguito di praticanti e partecipanti, allora assolutamente inimmaginabile. Partecipa, oltre che organizzare, anche alle gare di questa nuova disciplina e s’impone in numerose gare di Cross Country e Down Hill nella sua categoria, aggiudicandosi 2 edizioni della Top Race Regionale XC. Intanto è nominato Tecnico Regionale della Federazione Ciclistica Italiana per il Settore Strada e ricoprirà l’incarico per molti anni. È stato meccanico ufficiale del Velodromo di Quartu S.Elena e questi impegni, oltre al lavoro da svolgere nel suo laboratorio di Ciclismo, lo porteranno ad abbandonare l’attività agonistica, seppure, ancora non disdegni, quando libero da vincoli, cavalcare la bici da strada o salire tra i sentieri del Monte Arci con la sua fedele Black Icon da mountain bike.

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Un allora piccolo supertifoso, soprannominato Spiridione, in braccio di Sandro Garau, ci racconta…

1976. Al termine di una estenuante ma vittoriosa prova, un giovanissimo Sandro Garau è attorniato da una piccola folla di sostenitori. Il ciclista di Santa Giusta era allora in forza alla gloriosa «Polisportiva Gialeto Serramanna». Un piccolo tifoso ottiene di essere preso in braccio dal nostro campione.

Spiridione

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 1 commento

Giovanni Garau

Giovanni Garau, di Santa Giusta, uno dei migliori ciclisti Sardi di sempre. Dopo una splendida carriera tra i dilettanti, costellata d’innumerevoli vittorie e titoli, complice Francesco Pretti, stacca la tessera da professionista con l’Audace di Cagliari, tra le cui fila corre nel 1959 e nel ’60. Nel 1961 è richiesto e tesserato dalla Vov, l’anno successivo passa alla Ignis – Moschettieri d’Italia. Il 1963 lo vede partecipare alla stagione agonistica con indosso la maglia della Springoil, mentre nel ’64 corre per la Salvarani. Il 1965 è l’ultimo anno tra i prò e partecipa tra gli individuali e con la Libertas Lazio. Ha corso con i più altisonanti nomi del ciclismo mondiale e, seppure penalizzato da un carattere, a detta dei critici dell’epoca, eccessivamente orgoglioso, e dal compito da svolgere in corsa di dar manforte ai vari capitani piuttosto che alla ricerca del risultato personale, è riuscito a togliersi importanti soddisfazioni, tra le quali ricordiamo il 3° posto a Pistoia, alle spalle di Renzo Fontana e Carlo Guargaglini e il 3° posto alla Coppa Bernocchi, dietro Pierino Baffi e Nino Defilippis.

Giovanni Garau

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 1 commento

Marco Spanu

Marco Spanu, classe 1984, è un giovane saltatore dell’Atletica Oristano. La prima delle due foto che presentiamo è stata scattata il 21 luglio 2007 e mostra il tentativo, riuscito, di superare la alla quota di 2,00 metri durante l’edizione del Meeting Terrasarda a Olbia.

Marco Spanu al Terrasarda 2007

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

La seconda foto si riferisce ad un salto effettuato nell’impianto sportivo del Campo Coni di Oristano.

Salto di Marco Spanu

Pubblicato in I Gesti dello Sport | 29 commenti