Gruppo Sportivo De Castro Oristano · Roma 1969

sabato, 12 gennaio 2008 alle 7:00

La ginnastica artistica ad Oristano è rappresentata unicamente dal Gruppo Sportivo De Castro. La società fu fondata nel 1950 dal Prof. Severino Ibba. Grande figura di uomo e di sportivo è stato un punto di riferimento per generazioni di oristanesi. Per molte persone il libro Non è curvo chi non vuole esserlo, pubblicato nel 1980, rappresenta un vero e proprio manuale di ginnastica preventiva, correttiva, formativa e di cultura fisica destinato ai giovani ed ai giovanissimi (http://www.sptharros.it/personaggi/ibba.htm). Per cinquanta anni Severino Ibba ha insegnato educazione fisica in tutte le scuole di Oristano. A lui si deve l’apposizione all’ingresso del campo comunale della Tharros della frase “In motu vita est”. Senza il suo apporto umano e sportivo, molte pagine della vita agonistica di tanti atleti non sarebbero mai state scritte. Seguendo questo insegnamento, da quasi quarant’anni, Bruno Marras dapprima affiancando il Professore e successivamente da solo, prosegue con passione e dedizione, il lavoro costruito da Severibba, come amano ricordarlo gli allievi. La foto scelta questa settimana racconta della trasferta del Gruppo Sportivo De Castro di Oristano a Roma, nel maggio del 1969, alla festa per il Centenario della Federazione Ginnastica d’Italia. In quell’occasione il Prof. Severino Ibba indicò in Bruno Marras la persona che avrebbe guidato il gruppo sportivo in sua sostituzione. Un vero e proprio testamento. Ancora oggi infatti sono tanti gli allievi del G.S. De Castro che partecipano con ottimi risultati ai campionati a squadre di ginnastica artistica. Con gli stessi sacrifici ma con un immutato entusiasmo e desiderio di migliorare. Grazie al lavoro di Bruno Marras, l’allievo di Severino Ibba.

G.S. De Castro 1969 - 1

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

G.S. De Castro 1969 - 2

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

G.S. De Castro 1969 - 3

Prima fila, in alto, da sinistra

Severino Ibba, Bruno Marras, Giampaolo Pianu, Angelo Micula Marilisa Corrias, Valeria Virdis, Paola Meconcelli, Sonia Iriu

Seconda fila da sinistra

Marco Serra, Ginetto Picciau, Franco Pessini, Lucio Deriu, Carla Marrunchedu, Marinella Onnis, Anna Maria Massenti (seminascosta), Maria Pia Tore

Terza fila, le ginnaste, da sinistra

Maria Pina Serra, Paola Dessì, Paola Vicari

In basso da sinistra

Filippo Murgia, Alberto Vicari, Pierluigi Melis, Piergiorgio Obino, Caterina Motzo, Maria Teresa Loche, Cristina Dessì, Cristina Todde

Pubblicato in Ginnastica Artistica

4 Commenti a “Gruppo Sportivo De Castro Oristano · Roma 1969”

quote

1 | Cristina todde scrive:

26 dicembre 2011 alle 16:36


Dove siete finiti tutti e tutte? Io mi trovo emigrata a Civitavecchia e contrariamente ai programmi di allora adesso lavoro in ospedale. Torno a Oristano piu’ spesso possibile ma mi diventa sempre piu’ difficile. Ho contatti con Sonia, qualche volta ho rivisto Marilisa, Gianna e Lucio ma per caso. non e’ che avete organizzato qualche riunione reduci senza dirmi niente? Nel caso vi perdono ma a patto di reincontrarci magari con un poco di preavviso perche’ sono assoggettata a turni poco modificabili una volta stesi. Un abbraccio, buone feste e mi raccomando faremo avere notizie.

 

quote

Ciao Cristina… sai quante volte ti ho pensato, ultimamente srotolo spesso la pellicola e penso a quegli anni, ti ricordi quando importunavamo le coppiette nei vicoli di Oristano?

 

quote

3 | a teresa scrive:

23 marzo 2015 alle 14:38


cara teresa, tu rispondi a cristina…
hai visto a quando risale la sua domanda?
A OLTRE 3 ANNI FA’………
Adesso tra 4 anni Cristina ti risponderà ( ammesso che legga il tuo post ) e ti dirà :
lo sai chi era uno di quelli che scocciavamo nel vicolo di via Azuni……ero io.
Ciao, Luigi L.

 

quote

Caro Luigi, tu e la tua ragazza eravate uno dei nostri passatempi preferiti, comunque con Cristina e con altri compagni di ventura ci siamo ritrovati e presto faremo una rimpatriata a Oristano, se vuoi unirti ci trovi su facebook!

 

Scrivi un commento