Reportage di un’escursione sul lago Omodeo · 2011

sabato, 23 aprile 2011 alle 7:00

Direttamente dal racconto di un dei protagonisti, Paolo Marras.

Sull’altipiano la primavera è ancora pungente, la sento sulla pelle appena sceso dall’auto. È un sabato pomeriggio di vento e di nuvole, a volte si affaccia il sole a regalare colori diversi da fotografare. Abbandonare l’asfalto, inoltrarsi nei sentieri, danzare sulle pietraie tenendosi in equilibrio, una discesa e una salita e infine ritrovarsi davanti alla chiesa in trachite rossa salvata dalle acque per una foto con due simpatiche “tzieddas” che trascorrono il pomeriggio nel sagrato.

E alla fine eccolo, il lago. Lo raggiungiamo, lo costeggiamo, e lungo il cammino scopro angoli particolari, rocce, ciottoli e sabbia si alternano creando nuove suggestioni, situazioni da affrontare, uguali e diverse, come quando scali l’Ortobene o attraversi il Sinis.

L’ultimo regalo è trovare un sentiero appena accennato in mezzo all’erba e alla ferula, seguirlo sapendo che ci riporterà a casa, ammirare una millenaria costruzione che sfida il maestrale prima di raggiungere un bar all’ombra della torre aragonese dove rifugiarsi, dove ridere, scherzare salutarsi e darsi appuntamento alla prossima avventura.

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Pubblicato in Mountain Bike

Scrivi un commento