Calcio | anni ’40

Ghilarza Calcio · anni quaranta

Un foto scattata negli anni quaranta con la formazione del Ghilarza Calcio, in provincia di Oristano.

Pubblicato in Calcio | anni '40 | Nessun commento

Sugher Cabras · Ghilarza anni quaranta

Dall’Unione Sarda del 28 maggio 2008

I primi calci a un pallone a Ghilarza? «Bisogna tornare indietro a quando giocava Augusto Dore negli anni ’30», ricorda zio Peppino, storico massaggiatore del Ghilarza Calcio sino alla scorsa stagione. Si giocava a intermittenza, le squadre nascevano e morivano in un batter d’occhio senza lasciare traccia. «Nell’immediato dopoguerra e nei primi anni ’50, il Ghilarza non aveva né campo né squadra propria», riprende zio Peppino. Nacque una società chiamata SugherCabras, mista di giocatori di Abbasanta e Ghilarza. Giocava in Prima Divisione e resistette sino alla fine degli anni ’50.

Sugher Cabras

Pubblicato in Calcio | anni '40 | 2 commenti

Tharros Calcio · Oristano anni ’40

Una bella foto della Tharros Calcio di Oristano che risale agli anni quaranta e tratta dall’archivio d’immagini di Leonardo Tatti, il sesto in alto da sinistra.

Tharros Oristano anni quaranta

Pubblicato in Calcio | anni '40, Calcio | Tharros | 1 commento

Ghilarza Calcio · anni quaranta

Anni quaranta, un gruppo di giovani giocatori del Ghilarza Calcio si concede per un raro scatto fotografico.

ghilarza-calcio-anni-quaranta

Pubblicato in Calcio | anni '40 | 9 commenti

Tempio Calcio · anni quaranta

Una foto in bianco e nero dall’archivio di Peppino Cabella (il primo in alto da sinistra) ci presenta la formazione dei galletti del Tempio nella seconda metà degli anni quaranta.

tempio-anni-quaranta

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

E ancora Peppino Cabella prima di un incontro di campionato con altri due galletti

galletti-del-tempio

Pubblicato in Calcio | anni '40 | 1 commento

Rappresentativa Sarda 1947

Dall’archivio personale di Peppino Cabella, il primo accosciato da sinistra, una fotografia che ritrae due squadre in posa per la fotografia di rito prima di un incontro di calcio. Siamo nel 1947 e i ragazzi con la maglia scura sono i componenti della Rappresentativa Sarda.

rappresentativa-1947

Pubblicato in Calcio | anni '40 | 5 commenti

Tempio Calcio · Calangianus 1946

Una foto rubata dall’archivio di Peppino Cabella (il terzo in basso da sinistra) mostra la squadra del Tempio prima dell’incontro con il Calangianus disputato il 19 marzo del 1946.

tempio-1946

Pubblicato in Calcio | anni '40 | 3 commenti

Tharros Calcio · Oristano 1946-1947

Una bella immagine in bianco e nero ci presenta la formazione della Tharros Calcio di Oristano nella stagione 1946-1947.

Tharros Calcio - Oristano 1946-1947

In piedi da sinistra

Marras, Fercia, Masala, Bistrussu, Oppo

Accosciati da sinistra

Massa, Ragazzo, Secchi, Flore

Pubblicato in Calcio | anni '40, Calcio | Tharros | 3 commenti

Nurachi Calcio · 1947

Una bella foto in bianco e nero della formazione del Nurachi che nella stagione 1947/48 partecipava al campionato di Seconda divisione.

Nurachi Calcio · 1947

In alto da sinistra

· · · · · Cuozzo (dirigente), Pupetto Mereu, Ottavio Meli, Raimondo Pinna, Mundicheddu

Accosciati da sinistra

Govanni Tronci, Mariano Mereu, Pietro Deligia, Orlando Floris, Pino Dessì, Mariano Solinas, · · · · · Figus (dirigente)

Pubblicato in Calcio | anni '40 | 3 commenti

Passato e presente. Tharros-Carbonia 1946 e il pallone di tziu Costantinu

di Beppe Meloni da L’arborense (www.arborense.it)

Corsi e ricorsi, scampoli e frammenti di storia del calcio oristanese del dopoguerra. Ce li regala la cronaca brillante di Rocco Galdieri (allora giovane universitario, poi a lungo affermato medico chirurgo a Napoli), sul settimanale sportivo Rossoblù (quattro pagine, diretto da Antonio Cardia, stampato dalla S.E.I. a Cagliari, costo lire 10), nel numero del 13 maggio 1946. In campo per la decima giornata del primo Campionato Regionale girone unico di I divisione, i neroazzurri della Tharros del presidente Gino Carloni e i verdi della Carbosarda del comm. Martinetti. La Tharros allenata da Nino Fois (Boncino) schiera: Marras, Flore, Caria, Zapi, Fercia, Floris, Pilloni F., Benini, Scema, Zonca, Albano. Tra i minerari il portiere Antoniani, Ugo Fiorillo, Politi, Ghezza e Fenu. Dirige il geometra Giuseppe Maninchedda di Sassari. A quattro minuti dalla fine il Carbonia, squadra fortissima, conduce per 3 reti a 2 e sta per rimettere la palla dal fondo, quando l’arbitro accortosi che il pallone è sgonfio, invita il capitano della Tharros, Vittorio Fercia, a sostituirlo. Impossibile, non ci sono altri palloni. Anche quello degli ospiti consegnato in deposito al custode del campo tziu Costantinu (che con la moglie tzia Sofia aprirà sotto le gradinate centrali un vero e proprio pollaio per la delizia dei tifosi!) è sgonfio. Non solo. Il dirigente del Carbonia, Salvatore Flore, non fa in tempo a percorrere alcuni metri che viene derubato del pallone da alcuni ragazzini. Ma non è finita, perché anche un terzo pallone rimediato da una squadra giovanile, prende il volo. All’arbitro Maninchedda non resta che sospendere definitivamente la partita. La storia avrà un seguito molto pesante. La Lega Regionale, in applicazione degli art. 49 e 50 del Regolamento organico, omologa la gara con il classico 2-0 a favore della Carbosarda, ammonisce solennemente il presidente Carloni per comportamento antisportivo, commina un ammenda di lire 1000 alla Tharros per contegno scorretto del pubblico nei confronti dell’arbitro, e squalifica per 2 due giornate il capitano della Tharros, Antonio Flore per condotta scorretta nei confronti del dirigente di gara. Non manca neppure una coda polemica sulla stampa isolana. Nino Sechi, dirigente della Tharros e consigliere della Lega Regionale, una figura storica del calcio locale, da buon polemista, interviene sul settimanale Rossoblù nei confronti del presidente della Lega Regionale il prof. Mario Siddi, seguito a ruota dal presidente Carloni, che accusa la Lega di tutelare gli interessi delle società cagliaritane a scapito della Tharros che si da’ da fare, senza alcun velato scopo, per portare a termine il Campionato. Per la cronaca, il torneo viene vinto dal Cagliari con 45 punti, secondo il Sardegna di Cagliari con 35, terza la Torres di Sassari con con 30. La Tharros è soltanto penultima, seguita dall’Arborea di Beteghella, Esu e Jacuzzi. Sessantadue anni dopo Tharros e Carbonia si sono ancora una volta ritrovate, tra ricordi e rimpianti al campo Tharros in un incontro vinto dai minerari per 2-1. Ma in uno scenario profondamente diverso, che non è più quello glorioso di una volta, ma un modestissimo torneo di promozione regionale. E con una differenza non da poco. Mentre il Carbonia pian piano, sta risalendo le posizioni per assaporare nuovamente i fasti del passato, la Tharros, di anno in anno, va scomparendo dal palcoscenico del calcio isolano. Anche questo è un segno dei tempi, un segno chiarissimo del lento declino di una città.

Tharros 1947

Oristano, 23 novembre 1947. Tharros-Italpiombo di San Gavino 3-0.

Da sinistra

Ziu Peppinu Annis (dirigente), Flore, seminascosto Meloni, Foscoliano, Benuzzi, Massa, Albano, Oppo, Zonca

Accosciate da sinistra

Pietrino Fiori, Marras, Masala

In questa foto sono presenti alcuni giocatori che hanno preso parte all’incontro Tharros-Carbosarda 2-3 del 12 maggio 1946, ricordato sulla rubrica Passato e presente del settimanale L’Arborense e firmato da Beppe Meloni.

Pubblicato in Calcio | anni '40, Calcio | Tharros | 2 commenti